La scienza con coscienza

settembre 5, 2018 0 Di PapS77

Spirale

Esistono molti esempi che ci portano testimonianze e prove riscontrabili che possiamo vedere con i nostri stessi occhi che la scienza non sempre è affidabile come vorrebbe farci credere, e questo vale per tutte le scienze in generale.

Un esempio che rende bene l’idea è quello della scoperta della forza vapore, alla fine del XIX secolo, che si pensava fosse l’apice del progresso e desse enormi possibilità di crescita, ma che dopo poco tempo venne sostituita dalla corrente elettrica; nello stesso periodo, all’incirca, la fisica era estasiata dalle scoperte meccanicistiche di Newton, e gli stessi  addetti ai lavori pensarono che non ci fosse più nulla da scoprire quando arrivò Max Planck che con la sua teoria dei quanti iniziò una vera e propria rivoluzione della fisica tradizionale.

L’uomo, e più in particolare lo scienziato, invece che imparare da queste “sincronicità”, continua a diffidare riguardo alle nuove scoperte, alle volte mettendo alla berlina gli autori fino a quando non è più possibile negare l’evidenza dei fatti.

Sotto le Piramidi
La scoperta del più grande segreto d’Egitto
Acacia Edizioni Srl Edizioni?pn=6292″ title=”Acacia Edizioni Srl Edizioni” >Acacia Edizioni Srl Edizioni

Voto medio su 3 recensioni: Buono


 

Un altro esempio è quello di Heinrich Schliemann, imprenditore ed archeologo tedesco, che nello scetticismo generale, guidato dalle indicazioni dell’Iliade di Omero, ha condotto delle campagne di ricerca e scavo sulle coste della Turchia, sul finire del 1800, individuando alla fine la città di Troia, e poi non soddisfatto e sull’onda dell’entusiasmo suscitato dalle scoperte tra l’altro del Tesoro di Priamo, estende le sue ricerche in Grecia, riportando alla luce le mura e le tombe reali di Micene (1874-1876), e trova altri tesori tra cui la maschera d’oro di Agamennone ed il tesoro degli Atridi.

La scienza archeologica ufficiale con tutto il seguito degli illustri accademici fu scettica ed addirittura all’inizio lo derise e lo calunniò affermando che alcuni reperti erano stati comprati nei mercatini dell’epoca, salvo poi ricredersi ed osannarlo come grande scopritore grazie alle testimonianze dell’archeologo Donald Easton e Wilhelm Dorpfeld.

Da quando esiste qualunque scienza si è sempre concentrata più sulle teorie che sui fatti, dai fatti poi nasce la teoria che li spiega, e gli altri fatti vengono messi da parte ed etichettati come inspiegabili.

Il cranio dolicocefalo senza sutura sagittale dello Starchild del signor Lloyd Pye il quale sostiene che questo cranio dovrebbe rappresentare il tentativo di fusione genetica tra la razza umana e quella aliena venne a quanto dicono ritrovato nel 1930 da una ragazza americana in vacanza con la propria famiglia in Messico, nella regione dei canyon, in una miniera abbandonata, dove appunto vi era uno scheletro di donna umana ed un cumulo tombale con questo cranio.

Nel sito archeologico di Hal-Saflieni a Malta, più o meno nello stesso periodo, vennero ritrovati degli scheletri con dei crani dalle caratteristiche simili, appartenenti ad una razza diversa da quelle finora studiate; alcuni hanno caratteristiche dolicocefale naturali ed il ritrovamento in uno dei più antichi luoghi di culto megalitici porta a pensare che siano appartenuti alla stirpe sacerdotale identificata dai popoli egizi e mesopotamici con l’appellativo di sacerdoti-serpente ( a causa dell’aspetto anomalo).

Questi ultimi avrebbero vissuto come una casta chiusa per diversi millenni, finendo poi con il mescolarsi all’aristocrazia degli altri gruppi etnici locali.

Altre “anomalie” o prove che non collimano sono le sfere di pietra del Costarica, oltre trecento sfere che sono state ritrovate nell’area del delta del Disquis e sull’Isla del Cano, ma più recentemente ne è stata ritrovata una in Bosnia, ma anche in Messico, in Australia, in Egitto e perfino qui in Italia.

Sono costituite da roccia vulcanica e possono arrivare a tre metri di diametro e 15 tonnellate di peso; ma la cosa più sorprendente è che la roccia di questo tipo non esiste nel Disquis ed il posto più vicino dove si può trovare è a più di 60 km dove tra l’altro non esistono cave.

Gli ormai famosi crop-circle di cui si è ampiamente discusso negli ultimi anni cercando di spiegare qualcosa d’inspiegabile a livello razionale, con il CICAP che continua a sostenere che sono opera della creatività e dell’ingegno umano.

Gli scheletri e le tombe dei Giganti rinvenute anche queste in ogni parte del mondo, tra cui ultimamente un prete cattolico che in Ecuador ha conservato per decenni resti umanoidi scheletrici di enormi dimensioni, alti fino a sette metri, che sono stati esumati a “Changaiminas”, che significa “cimitero degli Dèi”.

La Missione Segreta di Leonardo Da Vinci - Vol. 1
Da Alessandria d’Egitto a Teglio
Io Sono Edizioni?pn=6292″ title=”Io Sono Edizioni” >Io Sono Edizioni

Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere


 

Sono fin troppe queste “anomalie” che la scienza insabbia, se non addirittura cancella, che potrebbero rovesciare il cammino evolutivo dell’uomo.

  • Viene negata a priori la manipolazione genetica, che avrebbe portato dall’Homo Erectus all’Homo Sapiens.

  • Come può l’archeologia ufficiale negare la maggiore antichità delle piramidi di Giza, nonostante tutte le piramidi posteriori, la piramide di Snefru, la piramide di Sekhemkhet a Saqqara, la piramide di Unas, mostrino di essere dei tentativi mal riusciti d’imitazione.

  • Perché tacere l’incredibile analogia fra l’allineamento celeste con le tre stelle della cintura di Orione, delle piramidi di Giza, e lo stesso allineamento delle piramidi di Teotihuacan.

  • Perché fingere di non accorgersi dei misteri celati nelle opere di Leonardo da Vinci, come nell’ultima ritrovata, il Cristo Salvator Mundi, nella cui sfera che tiene nella mano sinistra sono ben evidenti le tre stelle più luminose della stessa costellazione di Orione

    Il Codice di Giza
    Segreti, enigmi e verità sconvolgenti nel sito archeologico più misterioso del mondo
    Newton & Compton Editori?pn=6292″ title=”Newton & Compton Editori” >Newton & Compton Editori

    Voto medio su 2 recensioni: Sufficiente

    € 5

    .

Ma ci sarebbero da raccontare altre verità, come gli Anunnaki sepolti in Messico, anche conosciuti come Nephilim; le divinità “volanti” sumere, un dinosauro scolpito nel tempio di Angkor, un martello in una pietra di 400 milioni di anni, la famosa pila elettrica di Baghdad, una pentola di zinco ritrovata in un pezzo di carbone, gli ooparts ritrovati in Russia, Antikythera, la più antica macchina da calcolo mai ritrovata, vari manufatti aztechi, la lampada di Dendera, un astronauta scolpito sulla cattedrale di Salamanca del XII secolo.

Inoltre abbiamo dei famosi scienziati come Gregg Braden e Bruce LIpton, che supportano delle nuove verità nel campo della coscienza e che non possono di certo passare inosservati.

Sicuramente una scienza con una maggiore apertura mentale  che accompagni veramente la conoscenza alla coscienza e sia al servizio dell’uomo e non solo del profitto corporativo, aiuterebbe a comprendere meglio la nostra vita!

Fonti: Video “Una scienza non scienza” di Alberto Lori, altrainformazione.it, thegreaterpicture.com, hackathematrix.it

 

 

Il Tempio Perduto degli Anunnaki
Come tutto ebbe inizio – Gli dei del cielo e della terra
Cerchio della Luna Edizioni?pn=6292″ title=”Cerchio della Luna Edizioni” >Cerchio della Luna Edizioni

Voto medio su 1 recensioni: Buono